“Non vedo cambiamenti in vista, per questo non capisco quando le persone importanti che ho incontrato in questi mesi si congratulano con me. Non c’é più tempo, è ora di agire, tutti dobbiamo prendere consapevolezza e trattare questo come una vera crisi”

Greta Thunberg

Da anni, praticamente ogni mese, milioni di persone scendono in piazza, a fianco di Greta Thunberg, per ricordarci l’importanza e l’urgenza di assumere decisioni significative sia per prevenire le cause che combattere gli effetti dei cambiamenti climatici: fenomeni purtroppo non più futuribili ma di strettissima attualità, con cui dobbiamo fare i conti anche sul nostro territorio.

Le manifestazioni non si sono fermate neppure durante l’emergenza sanitaria prodotta dal Covid ma al contrario sono proseguite ancora con più forza, con la consapevolezza che le nuove difficoltà incontrate dimostrano, una volta di più, quanto sia indispensabile impegnarsi nella tutela della natura per salvaguardare anche la stessa nostra esistenza.

Questa massa di popolo è formata da donne, uomini, lavoratrici e lavoratori, e soprattutto giovani: che ci chiedono cambiamenti radicali e immediati.

Il Piano Triennale per l’ambiente e le energie rinnovabili scaturisce direttamente dalla dichiarazione di emergenza climatica ed ambientale, che l’assemblea del Consorzio 1 Toscana Nord – primo Ente consortile in Italia – ha approvato nel settembre 2019.

È uno strumento di analisi ed approfondimento riguardante tutti i settori ambientali in cui il Consorzio opera. Ed è, soprattutto, la mappatura degli obiettivi e delle azioni concrete che abbiamo già iniziato a porre in essere, e che svilupperemo ulteriormente negli anni a venire per contribuire anche noi, facendo la nostra parte, a quel cambiamento che tanti giovani ci chiedono e che l’amore per l’ambiente ci impone.

A conferma di questo nostro impegno abbiamo inserito il documento tra gli atti fondamentali di programmazione dell’Ente Consortile e lo porteremo in approvazione ogni anno, contestualmente al Piano delle Attività di Bonifica. A maggio, con il bilancio ambientale, verificheremo quanto effettivamente realizzato. Infatti la nostra attività istituzionale, finalizzata a mitigare il rischio idrogeologico, per essere davvero efficace non può prescindere dall’impegno a rimuovere le cause che a monte, in particolare con il riscaldamento globale in atto, determinano eventi alluvionali sempre più catastrofici.

È la stessa legge regionale che ci ha istituito, la 79 del 2012, a chiederci un impegno concreto in tal senso laddove ci richiama ad una attenzione particolare, nella nostra attività, per la sicurezza e la valorizzazione ambientale.

E quello di cui siamo convinti è che ciascuno di noi è chiamato ad essere coerente: i cittadini così come gli Enti che ne sono l’espressione. Questo perché non possiamo più continuare ad affermare che è in gioco la salute del Pianeta e il futuro dei nostri figli per poi continuare a non agire.

Per questa ragione nelle prossime pagine stipuliamo un vero e proprio “patto ambientale” coi nostri consorziati, e più in generale con tutti i cittadini che vivono ed operano nel comprensorio del Consorzio 1 Toscana Nord, consapevoli che l’enorme sfida che abbiamo di fronte potrà essere vinta solo se ciascuno di noi, nessuno escluso, sarà protagonista, nel contesto in cui vive, di scelte, comportamenti e azioni orientate al migliore futuro possibile del nostro territorio.

DescrizioneDocumento
Piano Triennale 2020 – 2022 (approvato con Delibera Assemblea n. 24 del 30/11/2020)
Piano Triennale 2022 – 2024 (approvato con Delibera Assemblea n. 27 del 27/12/2021)